• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

Dental Scan con Tecnica CONE BEAM


 


Pionieri nell'utilizzo della tecnologia Cone Beam nel campo dentale

Il NewTom è stato il primo utilizzatore della tecnologia Cone Beam nel campo dentale. Nel 1996 fu installato il primo apparecchio - il NewTom 9000 conosciuto come "Maxiscan" - considerato progenitore della linea dei prodotti successivi. Tutti i dispositivi NewTom vengono progettati e prodotti in linea con la tradizione tecnologica specialist ica italiana in completa autonomia in quanto a ricerca e sviluppo (sia hardware che software) e grazie alla loro affidabilità, all'alto standard qualitativo e all'elevatissima competenza tecnologica il marchio NewTom è conosciuto in tutto il mondo.

LA TECNOLOGIA CONE BEAM
         TAC                                                                         CONE BEAM 3D                

 

La TAC convenzionale utilizza un fascio ristretto a ventaglio che ruota intorno alla testa del paziente acquisendo sottili sezioni assiali per ogni rotazione. Quindi, per visualizzare  una sezione anatomica devono essere completate molte rotazioni. E' a causa di queste ripetute acquisizioni che le TAC convenzionali sono costrette ad emettere una maggiore quantità di radiazioni e possono, talvolta, fornire informazioni meno accurate che dovranno essere rielaborate e "corrette" da un software Dentascan. L'imaging ConeBeam 3D, invece, utilizza un fascio a forma conica per acquisire l'intero volume effettuando una sola rotazione. Il risultato di questa metodica sarà un'immagine più accurata che contiene una serie più completa di informazioni e ottenuta con un tempo di esposizione ai raggi-X considerevolmente  inferiore rispetto alla TAC convenzionale.  L'American Acade of Oral and Maxillofacial Radiology (MOMR) prescrive l'utilizzo di imaging ConeBeam 3D nel caso di indagini per l'implantologia, la parodontologia e gli interventi di chirurgia maxillo-facciale.  Un esame effettuato con l'apparecchiatura  NewTom acquisisce un dataset dento/maxillofacciale  completo in un singolo database costituito da immagini digitalizzate.

IMMAGINI ACCURATE IN SCALA 1:1
Con immagini realizzate in scala 1:1 la tecnologia NewTom elimina gli errori di ingrandimento che si riscontrano nelle cefalometrie tradizionali e nelle ortopantomografie. L'imaging 3D permette di identificare problemi potenzialmente più critici come ostruzioni delle vie respiratorie e anomalie del tessuto molle e viene considerata dagli specialisti come "gold standard" nella cura dei loro pazienti.

 

FOV MULTIPLI

l diversi FOV disponibili determinano l'ampiezza dell'area anatomica che sarà visualizzata. Nell'usare un sensore Flat Panel (FP) le dimensioni dei FOV (diametro per altezza) acquisibili saranno cilindriche . La necessità di esaminare diversi distretti anatomici con diverse patologie, utilizzando FOV di varie dimensioni, è regolata da standard internazionali e dal principio "ALARA" (As Low As Reasonable Achievable) che

mira a ridurre la dose effettiva di radiazioni assorbite dal paziente. In particolare, l'uso di FOV piccoli, permette di ridurre le dimensioni della parte irradiata e di aumentare drasticamente l'accuratezza e la risoluzione delle immagini a cui si ricorre per la diagnosi di tutte quelle patologie per le quali è necessario identificare dettagli considerevolmente  piccoli tramite immagini ad alta risoluzione.

Al contrario, i FOV più grandi (la sezione che va dalla base delle orbite al Nasion, fino all'osso loide) permettono di visualizzare - con una sola scansione - la maggior parte delle regioni anatomiche del capo utilizzabili  nell'ortodonzia, nella chirurgia ortognatica e in quella maxillofacciale. Sono disponibili anche FOV di media grandezza che permettono di visualizzare la zona che va dal centro delle orbite al mento (verticalmente) e da condilo a condilo (orizzontalmente) e risultano indicati per l'otorinolaringoiatria, le ATM, gli impianti e le panoramiche.

 

 

Tecnologia SafeBeam - Per la Sicurezza del Paziente

Soltanto le apparecchiature NewTom utilizzano la tecnologia SafeBeam che rappresenta il sistema più sicuro disponibile per pazienti e staff medico. Il SafeBeam adatta automaticamente la dose si radiazioni in base alle dimensioni anatomiche del paziente. Gli altri dispositivi disponibili sul mercato emettono una una quantità di raggi-X costante e della stessa intensità per tutta la durata della scansione senza differenze tra un esame eseguito su di un paziente adulto o su un bambino.

La tecnologia SafeBeam controlla automaticamente e costantemente le operazioni del sistema eliminando la possibilità di dosaggi sovrastimati.

 

  

 

 

 

 

ORTODONZIA  OTORINOLARINGOIATRIA

Per eseguire dei trattamenti ortodontici, la radiologia a fascio conico (Cone Beam) basandosi su acquisizioni tridimensionali, produce diversi tipi di immagini: panoramiche, teleradiografie e immagini 3D. Queste ultime, sono in grado di mostrare chiaramente dettagli come l'osso buccale e le radici dei denti. Esiste una differenza sostanziale tra la capacità descrittiva di un piano radiografico bidimensionale e quella delle immagini tridimensionali perchè esse forniscono una rappresentazione  esauriente dell'area scansionata permettendo di modificare l'angolazione della visuale e di regolare lo spessore delle immagini ricostruite.


Grazie ai diversi FOV selezionabili e all'alto livello di accuratezza, è possibile visualizzare chiaramente tutte le vie aeree, le strutture dell'orecchio e i seni nasali. Le scansioni avvengono utilizzando parametri radiologici adeguati, in modo da evitare dosaggi sovrastimati. In fase di pre-esame, l'operatore seleziona il protocollo più adatto all'area anatomica da esaminare. La maggior parte degli esami effettuati utilizzando la TAC convenzionale può essere realizzata anche con NewTom, che metterà in risalto un maggior numero di dettagli e diminuirà sensibilmente l'esposizione del paziente alle radiazioni.


                                   

 

 

 

 

 
 
 
 
Software di analisi NewTom NNT

Il software NNT costituisce l'implementazione  perfetta per l'imaging 3D. Bastano pochi passaggi per rielaborare i dati acquisiti durante la scansione e creare una vasta gamma di immagini. Il software e, grazie alle diverse "modalità applicative", si adatta a tutte le esigenze diagnostiche  degli utilizzatori.

NNT dispone di una nuova applicazione dedicata alla pianificazione degli impianti con la quale è possibile rilevare e marcare l'inclinazione della radice, la posizione del dente incluso e dei denti soprannumerari,  l'assorbimento , le anomalie delle strutture dentali e il canale mandibolare.

Dopo la rielaborazione,  le immagini possono essere raccolte in report personalizzabili e modificabili dall'utente. l report possono essere consegnati in formato digitale (CD o DVD), cartaceo, pdf o su pellicola. Le immagini potranno essere successivamente  convertite in formato DICOM 3.0 onde garantire una maggiore compatibilità con i software di terze parti.